Crea sito
Sep
23
2011
-

H.M.S. Royal William a beautiful vessel

Fu varato a Portsmouth nel 1719. Fu la terza nave con questo nome, risultato della ricostruzione di una nave precedentemente demolita. Infatti, come d uso in quei tempi, tutto il materiale utilizzabile veniva nuovamente reimpiegato. Il primo Royal William fu costruito in buona parte con elementi ricuperati dalla demolizione del vascello “Prince”. Il vascello “Royal William” fu una nave notevole ai suoi tempi e ne é testimonianza l’esistenza nei musei e nelle collezioni private di ben sei modelli d’arsenale. Era iscritto nei ruoli come vascello di linea di primo rango, con le seguenti caratteristiche: lunghezza mt. 68,50 – larghezza mt. 12,80 – immersione mt. 6,10 – dislocamento ton. 1.600. Armamento: prima batteria 34 cannoni da 32 pollici – seconda batteria 28 cannoni da 24 pollici – terza batteria 20 colubrine da 18 pollici e 18 colubrine da 9 pollici. L’equipaggio era composto da circa 730 uomini. Il vascello “Royal William” partecipò alle operazioni navali che portarono alla liberazione di Gibilterra nel 1782, collaborò al tentativo di ricupero del vascello “Royal George” che in quello stesso anno si era capovolto improvvisamente a Spithead, causando la morte di 900 persone. Venne, infine, destinato al compito di guardiaporto a Portsmouth dove rimase ancorato fino al 1813, anno della sua demolizione. Dopo una così lunga carriera, le condizioni della nave erano ancora eccezionalmente buone; si legge infatti nel “The Naval Chronicle” del 1799: questa venerabile nave sarebbe demolita da tempo, senza 1’espresso desiderio contrario del re. Le sue corde sono così dure che è quasi impossibile scalfirle con alcun utensile. Da molto tempo i marinai la chiamano “The old Billy” (il vecchio Guglielmino).

In occasione della firea a Novegro ho avuto modo di ammirarla….veramente imponente…vi lascio alcune immagini ed il link del video a lei dedicato. La scatola di montaggio è realizzata dall’Euromodel di Como e distribuita da Olivero Modellismo
H.M.S. Royal William

 

 

Sep
20
2011
-

Hobby Model Expò

Eccoci arrivati alla 35a edizione del Hobby Model Expò che si terrà come consuetudine  al parco esposizioni di Novegro il 23 – 25 settembre 2011.
ORARIO: venerdì 23, sabato 24 e domenica 25 dalle 9.30 alle 19.00 continuato, aperta al pubblico e agli operatori

Eccovi il link del sito:

http://www.parcoesposizioninovegro.it/hme/

Buon modellismo a tutti

 

Written by olivermodelblog in: Fiere e mostre |
Sep
11
2011
-

Terre in pasta

Fino a non poco tempo fa il terreno in un diorama era un lavoro impegnativo e il più delle volte comportava l’utilizzo di diversi materiali.Di solito il mio approccio era acqua ,mix di colle,vernice acrilica adatta e sabbia fine (quella usata nelle gabbie degli uccelli).Quei tempi sono finiti,perché il produttore di colori Vallejo prpone materiali originali e particolarmente utili. E’ sufficiente prendere la pasta del colore e della consistenza che ci occorre e stendere il composto a pennello sulla base.
Immediatamente otterremo un terreno molto realistico , sia per il colore che per la trama.
Le paste sono composte da resina acrilica,pigmenti e micro granuli che penso siano di pietra pomice tritata.
Applicato con un pennello o una spatola , il prodotto è facilmente modellabile per esempio per rendere al meglio una spiaggia di sabbia, dune del deserto ,oppure per realizzare un terreno fangoso in tutti i tipi di condizioni. Può essere utilizzato anche per la ruggine e le texture del metallo dalle intemperie. Si asciuga in circa 30-45 minuti e le spazzole o spatole possono essere pulite con acqua.Le paste possono essere miscelate tra loro e con tutti i prodotti Vallejo acrilici(e non solo con quelli) per realizzare tutti i tipi di finitura.

Articoli proposti da Olivero Modellismo

 

 

Sep
01
2011
-

Schnellboot S 100 5603

A partire dal 1930 la Kriegsmarine ricevette una grande varietà di tipi e di classi di motosiluranti.

Queste piccole unità non avevano un nome individuale ed erano contraddistinte dal prefisso S e da un numero. Nel complesso dopo il prototipo S-1 elaborato nel 1930, furono costruite negli anni diverse varianti:  S-2, S-7 (1935), la classe S-14 (1936 ), S-18 (1938),  S-26 (1939), S-30, S-38 e la sottoclasse S-38b. Quest’ultima era il risultato di un progetto maturo e altamente valido che diede vita, nel 1943 all’S-100, natante altamente efficace, con dislocamento di circa 80 tonnellate, dalla lunghezza di circa 32 metri.
La motosilurante S-100 era spinta da 3 potenti motori diesel Daimler Benz da 20 cilindri, capaci di erogare 3,960 cavalli in grado di far raggiungere una velocità massima di 43.8 nodi. Costruita in 81 unità, alcune delle quali ebbero modifiche sperimentali, l’S-100 aveva un armamento costituito da 4 siluri 533 mm, un cannone C/30 da 20 mm e 8 mitragliere 7.92 mm.
L’equipaggio era costituito da 24-30 uomini a seconda dell’impiego.

 

Questo articolo è reperibile da Olivero Modellismo al costo di 158 €
venite a trovarci

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes

Social Buttons by Linksku